Latte dolce e la sua versione fritta alla ligure

Curiosità 

Il latte fritto alla genovese è una specialità ligure dagli ingredienti semplici, ma dal sapore unico. La curiosità di questo piatto è che, pur essendo un dolce, nella tradizione culinaria regionale era servito insieme al fritto misto.  

La frittura ligure, diversamente da quanto ci si aspetterebbe, non era di pesce ma di terra ed era originariamente servita come piatto unico a base di ortaggi, frattaglie, mele e crema di latte dolce, fritti rigorosamente in olio di oliva.  

L’origine di questo dessert è, quindi, da ricercare nella cucina povera ligure e fa parte di quelle ricette tradizionali che, con il tempo, hanno reso ricca la nostra pasticceria. 

Ma vediamo come mettere in tavola questo dessert. 

Ingredienti per sei persone

  • Latte 1 L 
  • Farina “00” 150 g 
  • Uova 6  
  • Zucchero semolato 150 g
  • Zucchero a velo 60 g
  • Cannella in polvere 10 g
  • Pangrattato 80 g 
  • Sale un pizzico 
  • Limone 1 
  • Olio di semi di arachide per friggere 

Preparazione

In una ciotola rompete tre uova e aggiungete solo i tuorli delle altre tre, tenendo da parte gli albumi che useremo più tardi. Unite alle uova lo zucchero semolato e, con l’aiuto di una frusta, montate il composto finché risulterà soffice e spumoso. Ora setacciate e incorporate la farina, aggiungete un pizzico di sale e diluite il tutto con il latte, versandolo a filo. Ponete il composto in una pentola su fuoco medio e fate addensare, continuando a mescolare con la frusta: appena la crema comincerà a staccarsi dalle pareti del recipiente, spegnete il fuoco. Adesso prendete il limone, e dopo averlo lavato e asciugato, grattugiatene la buccia e incorporatela nella crema insieme alla cannella in polvere. 

A questo punto, prendete un piatto largo e dai bordi alti, inumiditelo appena con un filo di acqua, versatevi il composto in modo da formare uno strato di circa 2,5 cm di spessore e lasciate raffreddare. Nell’attesa che stemperi, montate a neve fermissima gli albumi che avevamo tenuto da parte inizialmente.  

Una volta solidificato, tagliate il composto a rombi di circa 5 cm e passateli prima negli albumi e successivamente nel pangrattato; friggete le forme di crema nell’olio di semi di arachidi bollente e scolatele via via con una schiumarola, adagiandole su carta assorbente affinché perdano l’unto in eccesso.  

Suddividete il latte dolce fritto in piattini da dessert individuali, spolverate con lo zucchero a velo e servite in tavola ancora caldo. 

Consigli

Per una versione più leggera potete evitare l’ultimo passaggio della ricetta e servire la crema senza friggerla in olio.  

Altri piccoli accorgimenti riguardano gli ingredienti da utilizzare nella preparazione della ricetta: utilizzate il latte intero per ottenere un risultato più corposo e più cremoso, e ,per friggere, olio di semi di arachide o altri oli simili dal sapore leggero, di modo che non vadano a coprire il gusto della crema.  

Articoli recenti:

Vuoi uno sconto del 10%?

Iscriviti alla nostra Newsletter, Ti regaliamo uno sconto del 10% su tutto il carrello!

Riceverai il tuo codice sconto con la mail di conferma iscrizione